Pane semintegrale soffice avvolto nella farina di mais

wp-1519642162689596372128.jpg

Questo bel panozzo accompagnerà pranzi, cene o spuntini. E pure colazioni.

È molto versatile, saporito e con una buona percentuale di farina integrale, che è sempre da preferire.

  • 300 g farina integrale
  • 200 g farina 1
  • 9 g lievito di birra secco
  • 1 cucchiaino di malto d’orzo in polvere
  • 25 g di olio d’oliva
  • circa 300 g d’acqua tiepida
  • 10 g di sale
  • farina di mais (solo per spolverarlo prima di metterlo in forno)

Nell’impastatrice o in una terrina mescolate bene le due farine con il lievito secco e con il malto d’orzo. Quindi aggiungete l’olio e cominciate a impastare, a mano o con l’impastatrice, aggiungendo piano piano l’acqua. La quantità di acqua dipenderà dall’idratazione che vorrete dare al vostro pane. Quello che ho prodotto io era bello idratato, quindi risulterà morbido e leggermente appiccicoso.

wp-1519642162574481447387.jpgQuando è tutto ben amalgamato, solo alla fine, aggiungete il sale e completate l’opera di impasto, finché il sale sarà ben distribuito al suo interno. Formate una bella palla e mettetela a riposare in una terrina che avrete ben infarinato.

Coprite con un panno umito e lasciate riposare per un po’ di ore, almeno 2, in un luogo asciutto e non freddo. Va benissimo dentro il forno spento e chiuso, ma con la luce accesa. Io l’ho lasciato per 5 ore ed è più che abbondantemente raddoppiato.

L’ho rovesciato quindi su un piano di lavoro infarinato, l’ho lavorato un po’ con delicatezza, gli ho ridato la forma di una palla e l’ho cosparso con farina di mais su tutta la superficie. Quindi l’ho disposto su un foglio di carta-forno dentro una tortiera piccola e ho inciso una croce in cima. Ho lasciato riposare per un’altra ora al caldino, vicino alla stufa.

wp-15196421623061782718906.jpg

Accendete quindi il forno a 190°/200°. Quando il forno è ben caldo, infornate il vostro panozzo con tutta la tortiera per circa 20-25 minuti, finché sarà bello dorato in superficie.

Aspettate un po’ prima di tagliarlo, per non rovinarlo, e poi scatenatevi con gli abbinamenti. Certo che però si può mangiare bene anche da solo 🙂

wp-1519642162455483656793.jpg

***

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...