Vellutata scaldacuore con dadini croccanti di patate dolci e rosmarino

vellutata dolce cencecicin 01

Ma che bontà questa cremina qua! Ha davvero un sapore originale e in più è vellutatissima. Ma la bellezza è che è salata, sì, ma anche dolce, grazie alla batata (patata dolce, appunto) e alle carote. Su, non aspettate, leggete le istruzioni e mettetevi ai fornelli. Con queste dosi fate circa 3 scodelle, mantenendo la crema molto densa. Se invece vi piace più liquida, be’, non vi resta che mettere più acqua o allungarla alla fine prima dell’ultima frullata.

Cosa c’è dentro:

  • 1 patata dolce/batata grande (o 2 normali)
  • 4 patate piccole o 2 normali
  • 4 carote
  • 250 g di lenticchie (anche 1 lattina di precotte va bene)
  • sale, pepe, olio d’oliva
  • timo, rosmarino, paprika, garam masala (io prendo questo, ma se non lo trovate va bene anche il curry, che è un po’ diverso però ci sta bene lo stesso)
  • opzionale: 2 cucchiai di shiro miso (io uso questo, ma se non ce l’avete non importa, potete semplicemente aggiustare di sale – non troppo, eh?)

Cosa NON c’è:

  • latticini
  • glutine
  • grano né farine
  • uova

Cosa vi serve:

  • 1 pentola di medie dimensioni
  • 1 padella per i sughi
  • 1 frullatore a immersione

Se avete optato per le lenticchie secche, controllate i tempi di ammollo e cottura evidenziati sulla confezione che avete scelto: in questo caso, vi consiglio di cominciare la ricetta dalla loro cottura, dopo l’ammollo, coprendole con acqua fredda per il doppio del loro livello in pentola, portando a ebollizione e poi facendo sobbollire finché l’acqua si sarà ritirata praticamente al livello delle lenticchie (attenzione che non asciughino troppo, quindi tenete sempre pronto un pentolino di acqua bollente da aggiungere se serve, ossia se si l’acqua si asciuga troppo ma le lenticchie non sono ancora tenere). Alla fine semplicemente lasciatele da parte, scolando l’eventuale eccesso di acqua.

Se avete optato per le lenticchie in lattina, è sufficiente che le scoliate e le sciacquiate bene e le lasciate da parte per quando serviranno.

vellutata dolce cencecicin 03

Quindi: lavate e sbucciate le vostre patate, la batata e le carote. Tagliate due belle fettone dalla batata e lasciatele da parte, poi riducete tutto il resto in blocchetti di 3-4 cm, abbastanza uniformi.

Scaldate un po’ d’olio nella pentola e quando è caldo tuffateci i vostri cubotti di verdure (a parte le due fette di batata lasciate da parte) e fate rosolare per qualche istante, quindi ricoprite d’acqua fino a un dito sopra il livello delle verdure. Portate a ebollizione, quindi abbassate la fiamma fino a lasciar sobbollire e lasciate cuocere così per 20-25 minuti.

Intanto preparate i dadini con le batate lasciate da parte. Tagliatele a listarelle larghe circa 1 cm e quindi perpendicolarmente fino a formare dei cubetti. Scaldate un po’ d’olio in una padella e quando è bello caldo tuffateci i cubetti di batata e fate saltare a fuoco vivo finché diventano dorati, croccanti fuori e morbidi dentro (vi andrà meno di 10 minuti). Quando sono pronti spostateli su un piatto e conditeli con sale e rosmarino, mescolando con dolcezza per non rovinarli.

Riprendiamo la nostra pentola di verdure. Passato il tempo indicato, provate con una forchetta: se le verdure sono tenere, ci siamo. Togliete dal fuoco e date una bella frullata con il frullatore a immersione (se vi accorgete che c’è troppa poca acqua, aggiungetela pure pochissima alla volta e frullate ancora). Aggiungete un filo d’olio e date un’altra frullata: vedrete come diventerà cremoso tutto quanto! A questo punto procedete con rosmarino, paprika e garam masala: di tutto basta una spolverata, ma ovviamente poi andate di assaggi e regolate a vostro gusto.

Se avete  lo shiro miso, lasciate passare ancora un paio di minuti e quindi versatecelo dentro (non andrebbe aggiunto nei composti bollenti perché “uccidono” le sue meravigliose proprietà salutari) e mescolate tutto con cura. Assaggiate e regolate di sale: deve mantenere il suo sentore dolce, ma deve essere una crema da pasto, salata, altrimenti potrebbe risultare stucchevole. Aggiungete poco sale alla volta finché è perfetta.

Versatela in ciotoline o nei vostri piatti fondi e cospargete la superficie con i dadini di batata al rosmarino. Sentirete la delizia!

vellutata dolce cencecicin 02

***

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...