Croccante di Blave con vortice di peperoni e cremoso alla paprika

croccante blave cencecicin 04

Questo è un antipasto vegetariano facilissimo da preparare, ma succulento e scenografico. Ed è pure una vera friulanità: ho infatti utilizzato i Crostini di Mortean, dei crackeroni quadrati fatti con la famosa “Blave di Mortean“, ossia il mais di Mortegliano, paese vicino a Udine, di cui il mais è divenuto simbolo oltre che specialità tradizionale d’eccellenza, con tutti i crismi della legge.

«Se avete la pazienza di seguirmi», come dice Neri Marcorè-Alberto Angela, vi dico come prepararlo senza difficoltà.

Ah! Variante vegana? Potete sostituire i formaggi con del “silken tofu” (il tofu cremoso) frullato con lievito alimentare in scaglie, sale, curry e paprika. 😉

Ingredienti (per ogni torretta – io ve ne consiglio una per piatto, “più che suff”):

  • 3 cracker quadrati Blave di Mortean (provate a ordinarli, se non li trovate dalle vostre parti, oppure sostituiteli con crackeroni quadrati abbastanza friabili)
  • robiola (se volete di capra)
  • ricotta (se volete di capra)
  • paprika qb
  • peperoni, meglio se di diversi colori (contatene sempre 1 per torretta; se ve ne avanza potete usarli per farvi il sughetto di una buona pasta)
  • origano, sale, pepe
  • olio evo qb

Allora: per lavorare meglio i peperoni, io vi consiglio di pelarli. Finora, il metodo migliore per farlo facilmente, per me, è risultato quello che vi racconto ora.

Accendete il forno a 220°, ungete d’olio una teglia e spennellate bene d’olio i vostri peperoni. Quando il forno è caldo, appoggiate i peperoni belli unti sulla teglia e cuoceteli per circa 30 minuti. Estraete quindi la teglia dal forno e fateli raffreddare. Se volete accorciare i tempi, aspettate comunque una decina di minuti prima di toccare i peperoni (scottano all’incirca come il centro della Terra!) e poi passateli velocemente sotto l’acqua fredda. Quindi tagliateli a metà in orizzontale, eliminate il picciolo e la parte con i semi, tagliate ancora a metà e aprite bene le parti come fossero fogli, uno alla volta, sul tagliere. Spellateli tranquillamente con le mani: la pelle verrà via facilmente – e se ve ne resta attaccata un po’, lasciatela pure, non succede nulla. A questo punto, tagliate ogni quarto a striscioline verticali larghe circa 1 cm (vi verranno più o meno lunghe 6-7 centimetri). Tamponatele bene per eliminare residui d’acqua e mettetele in una terrinetta con un po’ di olio, pepe e sale.

Quindi prendete la robiola e la ricotta, eliminate eventuale liquido e mescolatele vigorosamente. Aggiungete un po’ di sale e la paprika e amalgamate bene tutto. Non esagerate con la paprika, mettetene un paio di cucchiaini e assaggiate sempre se vi piace.

È ora di comporre la torretta!

croccante blave cencecicin 02Prendete il primo crostino, spalmatelo di crema di formaggi da un lato e appoggiatelo sul piatto. Procedete arrotolando, a partire dal centro, circa 3 fettine di peperone (non serve che facciate un vortice perfetto, è solo per comodità di distribuzione) e quindi aggiungete un pizzico di origano. Prendete il secondo crostino e spalmatelo su entrambe le facce; appoggiatelo sopra il primo strato di peperoni, con gli angoli leggermente sfasati rispetto al primo, per dare più movimento alla torretta, quindi ripetete lo strato di peperoni e di origano. Spalmate di formaggio su entrambi i lati l’ultimo crostino e disponetelo sopra il resto, anch’esso con gli angoli leggermente sfasati rispetto a quello precedente. Ora componete il bel vortice finale, con altre striscioline di peperone, sempre partendo dal centro: quando finite un peperone, attaccate subito con l’altro. Vi consiglio di alternare i colori dei peperoni, così da rendere più “simpatico” il vortice. Completate il piatto spruzzando ancora origano, che potete distribuire anche sul piatto, e con qualche goccia di olio. Io ho anche messo un po’ della crema di formaggi in un “biberon” da cucina (potete usare un sac à poche) e ho creato delle “nuvolette” sia sopra il vortice di peperoni, sia accanto alla torretta, direttamente sul piatto. Ma decorate pure come vi piace di più!

Bello e buono, no?

***

Pensando al vortice, mi vengono in mente musica e disegno coreografico del 4° atto del Lago dei cigni, tutta la tempesta che precede l’epilogo di questa fiaba d’amore splendida e crudele (happy ending o no, a seconda delle versioni, dei tempi e della tradizione di repertorio dei diversi teatri). Vi propongo qui il cigno dei cigni, la meravigliosa Uliana Lopatkina, star del Mariinsky, una delle più grandi ballerine al mondo, che ha da poco annunciato il suo addio alle scene…

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

3 pensieri riguardo “Croccante di Blave con vortice di peperoni e cremoso alla paprika

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...