#SolarEclipse: ceci, melanzane e pistacchi con “sole” di mayo vegan al curry

eclipse cencecicin 01

Ieri c’era l’eclissi, allora Simo mi ha suggerito il nome di questo piatto, secondo me ottimo per cena, perché incamera tante proteine. Ma mangiatelo quando pare a voi, eh? 😉 Se vi può essere utile è un piatto pure gluten free e vegano – e la mayo al curry è una validissima, slurposissima alternativa senza uova alla classica maionese (visti anche i tempi, con le uova, direi non trascurabile…)

Per 3-4 persone vi servono:

  • 250 g di ceci lessati, risciacquati e sgocciolati
  • 3 melanzane medio-piccole
  • timo, paprika dolce, origano, sale, pepe, curcuma, olio evo
  • una manciata di pistacchi

Per la mayo vegana al curry (ne fate una scodellina, dura in frigo diversi giorni, se ben tappata):

  • 125 g di yogurt di soia naturale
  • 1 cucchiaino di senape (meglio se piccante)
  • 1 cucchiaino di succo di limone
  • 1 cucchiaio abbondante di curry dolce
  • 1 buon pizzico di sale
  • 1 cucchiaio abbondante di sciroppo d’agave (da aggiustare a vostro gusto)
  • 150 ml di olio: io ho miscelato olio d’oliva e olio di semi, metà e metà, per non appesantire troppo il sapore.

Strumenti:

  • un coppapasta o una coppetta per formare il vostro “tortino”
  • un frullatore a immersione e un contenitore con i bordi alti per fare la mayo
  • un pennello/spatola da cucina per spalmare il contorno di mayo
  • un tritatutto per i pistacchi (oppure basta metterli in un sacchetto e batterli con un mattarello fino a sminuzzarli per bene).

Cominciamo preparando la maionese: in un contenitore con i bordi alti mettete tutti gli ingredienti tranne l’olio. L’olio andrà aggiunto solo a filo ora che cominciate a frullare con il frullatore a immersione: preparatene la quantità che vi serve e cominciate a versarlo mentre frullate. In pochi istanti, la vostra maionese monterà diventando compatta. Assaggiatela e aggiustate i sapori: sentite se manca sale ed eventualmente aggiungetene (senza esagerare), se invece è troppo aspra aggiungete ancora dello sciroppo d’agave, se invece la trovate troppo dolce aggiungete ancora un po’ di senape o succo di limone. Non preoccupatevi, perché la mayo veg non fa grumi e non impazzisce.

Quando è bella soda, lasciatela da parte e dedicatevi alla preparazione dell’… eclissi.

Tagliate le melanzane prima in verticale e poi a cubetti di un paio di cm di lato. Scaldate un po’ di olio in una padella e quando è caldo tuffiateci le melanzane e cominciate a saltarle in modo che l’olio di distribuisca bene tra tutti i pezzettini. Aggiungete paprika, pepe, curcuma, timo e lasciamo andare a fuoco medio per una decina di minuti. Quindi aggiungeteci anche i ceci lessati e salate tutto insieme, saltando in padella per altri 5 minuti, finché anche le melanzane saranno ben cotte. Aggiustate di sale e spegnete il fuoco: è ora di impiattare!

Prima di tutto sminuzzate bene i pistacchi e teneteli pronti per la decorazione.

Sul bordo dei piatti piani, appoggiate un cucchiaio di mayo e con il pennello distribuitela sulla circonferenza, come fosse un’aureola. Posizionate al centro il vostro coppapasta che avrete prima passato sotto l’acqua corrente (questo evita al cibo di restare attaccato ai bordi, rovinandovi la “scultura”) e imbottitelo con il vostro mix di ceci e melanzane. Compattate bene con il dorso di un cucchiaio, togliendo tutti i possibili vuoti d’aria. Distribuite un bel pizzico di pistacchi sopra il “tortino” e quindi levate con delicatezza il coppapasta. Ecco fatta la vostra eclissi di sole! 🙂

eclipse cencecicin 02

***

«There is no dark side of the moon, really. Matter of fact it’s all dark»

Citazione doverosa da Eclipse dei Pink Floyd, che ben sappiamo si occuparono più che egregiamente di eclissi (e lati oscuri) della luna.

In questa ricetta io vi ho presentato quella di sole perciò non potevo non agganciarmi ai divini e soprattutto a “The Pink Floyd Ballet”, coreografia di Roland Petit degli anni ’70 nata quasi per gioco e subito entrata nella leggenda – come manciate e manciate di altre dell’immenso coreografo francese. Qui vi propongo una recente versione portata in scena il mese scorso dal Teatro San Carlo di Napoli (in questo caso nella riuscitissima tappa del tour spagnolo di giugno). La compagnia partenopea ha appena concluso un anno intenso e davvero pieno di successi e di crescita evidente, conquistando a ragione sempre più spazio e riconoscimenti, tanto sulla scena italiana quanto su quella mondiale. Merito del giovane corpo di ballo e dei solisti, motivati, seri e impegnatissimi, ma senza dubbio grande merito del direttore che ha raccolto, proprio un anno fa, la bella sfida, e ha dato prova di saperla gestire al meglio, con grinta, personalità e il talento raffinato che ha sempre avuto. Parlo ovviamente di Giuseppe Picone: classe 1976, napoletano, ha esordito proprio alla scuola di ballo del San Carlo e ha poi realizzato una splendida carriera da star internazionale nei maggiori teatri (dall’English National Ballet all’American Ballet, dall’Opera di Vienna al Boston Ballet – non solo e non proprio in quest’ordine 🙂 ). Picone è dunque tornato a casa con questo importantissimo ruolo e sta regalando gioie alla danza italiana, alla sua città e al suo teatro – il più antico teatro storico del nostro Paese -, che merita la direzione e la produzione di eccellenza ben evidenti in quest’ultima stagione.

Con il direttore condivido peraltro la passione per i Jack russell terrier: io ho Jordi, lui ha Grisù. Ulteriore motivo di stima. 😉

Godetevi un estratto del Pink Floyd Ballet e seguite le proposte correlate di YouTube per regalarvi altre sbirciate di questa meraviglia.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...