Bounty. Vegan e “ludro”

bounty cencecicin 07Io ve lo dico: provate a farli, perché sono facilissimi ma sono anche una cosa esagerata di sapore e cicciosità. È un “dolcetto” vegano di fronte a cui nessuno si tirerà indietro. Perché è proprio delizioso. Ed è proprio “ludro” (friulanismo per dire “buonissimo e zozzone”). 😀

Mi sono ispirata a questa sublime ricetta di Vegolosi, che ho un po’ adattato a modo mio.

Non vi serve il forno, ma solo il frigo e l’unica cosa che dovete sciogliere è il cioccolato, a bagnomaria, sul fornello, oppure in microonde.

Per una dozzina di Bounty

  • Cocco grattugiato: 150 g
  • 20-30 g di mandorle triturate
  • 2-3 cucchiai di sciroppo d’agave
  • 50 g di olio di cocco
  • 1 pizzico di vaniglia
  • 50-60 g di latte di cocco (quello nel tetrapak, io uso questo)
  • per la copertura: 2 tavolette da 80/100 g di cioccolato fondente almeno 70% (io ho usato questo. Come il latte di cocco, lo trovate tranquillamente al Despar)

 

Dai, cominciamo che ho già l’acquolina in bocca!

Frullate le mandorle fino a ridurle praticamente in farina grossolana. Versatele in una terrina assieme al cocco e alla vaniglia. Mescolate e quindi aggiungete l’olio di cocco, il latte di cocco e lo sciroppo d’agave. Mescolate per bene e quindi assaggiate se è sufficientemente dolce (eventualmente aggiustate) e se vi pare troppo secco aggiungete ancora un cucchiaio di latte. Quando è bello umido e ben mescolato, cominciate a formare, con un cucchiaino e le mani, dei cilindretti (diciamo che è sufficiente un cucchiaio di impasto per ciascuna barretta). Compattate bene anche se vi sembra friabile e appoggiate su un piatto/contenitore ampio coperto di carta forno. Mettete le barrette un po’ distanziate l’una dall’altra, quindi quando avete finito riponete in freezer per un’oretta circa.

Quando è ora, sciogliete il cioccolato a bagnomaria o in microonde, mescolando bene. Versatelo in una coppetta e lasciatelo intiepidire. Quindi estraete le barrette dal freezer e intingete ogni barretta nella crema cioccolatosa, sgocciolandola degli eccessi. Riappoggiate ciascuna barretta nuovamente sulla carta forno-

Se vi avanza del cioccolato fuso, potete o metterlo in un biberon da pasticceria e disegnare sopra le barrette delle striscioline, oppure potete farle intingendo i rebbi di una forchetta nel cioccolato e sgocciolandoli a striscioline sopra le barrette.

Mettete le barrette in frigo, questa volta, e lasciate che il cioccolato solidifichi completamente prima di mangiare tutto (io sono riuscita ad aspettare tutta la notte, ma solo perché dormivo! 😀 )

bounty cencecicin 06

***

Abbino questa ricetta golosa a una danzatrice affascinante, che oggi compie gli anni: Maria Alexandrova, etoile del Bolshoi di Mosca, davvero una delle più affini al più puro stile Bolshoi, potente, appassionato, carico di sentori russi ed esotici mescolati insieme. È una vera gioia vederla danzare, tanto nelle parti liriche, quanto in quelle di maggior carattere – in cui io, comunque, la preferisco. Per questo vi scelgo la sua Carmen, “catturata” in questo Gala in omaggio alla prima Carmen, ovviamente Plisetskaya, perché qui potete apprezzare al meglio tutta la personalità di Alexandrova, il suo carisma, la sua forza e la sua individualità ammaliante e sempre originale. Buon compleanno, Masha. С Днём Рождения!

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...