Cuscus alla curcuma yin e yang, con melanzane al basilico, sesamo e anacardi

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Meditazione mediterranea. Un cuscus velocissimo da preparare. Decorato con due anacardi che si inseguono con yin e yang. Un vero pasto pranzo in armonia con l’universo [gong!] 🙂

Per 3 persone (anche per 2: io ne faccio sempre di più perché si fa il bis o si “ricicla” per i pasti successivi)

  • 200 g di couscous (questa volta ho usato Alce Nero di grano integrale, ma potete variare)
  • 2 melanzane grandine
  • svariate foglie di basilico
  • sale, pepe, timo, zenzero in polvere, olio evo
  • curcuma pepe e olio per il cuscus

Mettiamo a bollire dell’acqua in un pentolino con un cucchiaino di sale grosso (basta e avanza un litro, poi la useremo nella giusta dose).

Intanto prepariamo il “sugo”, ossia, laviamo le melanzane e tagliamole a dadini abbastanza piccoli (poco più di un paio di centimetri per lato). Scaldiamo un po’ di olio in una padella e – opzionale – facciamo un soffrittino con cipolla o aglio (io non lo faccio, ma voi ne avete facoltà!). Quando l’olio è caldo tuffateci i cubotti di melanzana e fate saltare per una decina di minuti, aggiungendo sale, pepe, timo, se volete zenzero e infine il basilico fresco che avrete prima lavato e tritato finemente.

 

Versate in una terrina il cuscus e spolverizzatelo con un cucchiaio di curcuma e una macinata di pepe. Mescolatelo così com’è e quando l’acqua bolle, togliete il pentolino dal fuoco e versatela direttamente in terrina sopra il cuscus, quel tanto che basta per coprirlo interamente e superarne la superficie di meno di un dito. Date una rapida mescolate e quindi coprite con un coperchio o della carta stagnola, lasciando riposare per 10 minuti, in cui l’acqua si assorbirà completamente, cuocendo il cuscus.

Passato questo tempo, scoperchiatelo, versateci sopra dell’olio (2-3 cucchiai) e sgranatelo con i rebbi della forchetta, quindi mescolatelo ora che i grani si sono separati e rovesciatelo in padella con le melanzane. Mescolate per bene tutto insieme, con fiamma moderata per 2 minuti massimo e quindi impiattate.

Io ho preso uno stampino da tortina, l’ho passato sotto l’acqua e poi l’ho imbottito bene bene di cuscus, premendolo per far compattare bene i grani. L’ho rovesciato sul piatto e l’ho decorato, con semi di sesamo e con i due anacardi messi in sequenza per godermi un pasto da meditazione – meditate 1 secondo e poi sbafate. 🙂

cuscus yin e yang cencecicin.com 07

***

L’abbinamento oggi mi viene facilissimo, perché si parla di Uliana Lopatkina, una delle più grandi danzatrici di questi tempi: proprio ieri ha annunciato il suo ritiro dalle scene, a 44 anni, in conclusione di una stagione in cui non ha danzato a causa di un infortunio.

Dopo Zenaida Yanowsky (qui il mio tributo, in coda al post) un’altra grande stella lascerà dunque il palco, in questo caso di quel Teatro Mariinsky di cui, a detta di tutto il mondo, Lopatkina è diventata incarnazione vivente, una delle ultime – dicono i puristi – ad aver rappresentato il suo stile classico meravigliosamente lirico, dalla tecnica solidissima forgiata all’accademia Vaganova per il tempo della scuola (insegnante di riferimento Natalia Dudinskaya, mica baubaumiciomicio), estremamente elastica, precisissima e romantica insieme, ma priva di qualunque eccesso cacofonici (ultraiperestensioni del torso o degli arti, funambolismi piroettanti e affini) che oggi si stanno moltiplicando sulle scene e sui social.

Non per niente la sua coach di questi lunghi anni da etoile – interrotti una volta in passato a causa di un brutto infortunio – è quella meraviglia di Irina Chistiakova, una delle più acclamate danzatrici del teatro, dagli anni ’70 agli anni ’90, e anch’essa divenuta uno dei simboli del teatro pietroburghese.

Ieri sulle bacheche di alcune delle più grandi ballerine al mondo (Diana VishnevaMarianela Nuñez…) c’erano messaggi affettuosissimi, di lode e tributo alla grande Lopatkina, ma anche stupiti dalla decisione, che si è rivelata all’improvviso, nonostante il prolungato stop dovuto all’infortunio. 

Vi propongo questa bella miscellanea, omaggio che già la Youtuber Balletoman M le ha tributato nel giorno dell’annuncio del ritiro dalle scene.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...