Mr. Asparago, semplice bontà al forno

Ha scoperto l’acqua calda, direte voi. Be’, magari a qualcuno non è ancora venuto in mente di provarli in modo vegan-friendly e taaac, eccomi qui.

Dunque vi servono:

  • asparagi a profusione: io preferisco quelli verdi, sempre e comunque
  • olio evo, sale, pepe, curry
  • lievito alimentare in scaglie

E che cos’è? Eccolo qui. E’ anche chiamato lievito nutrizionale, parte sempre da una lavorazione del lievito di birra ma non è attivo: non si usa per la lievitazione, ma per insaporire. Guardate, quando l’ho visto in qualche ricetta la prima volta ho storto il naso come probabilmente farà qualcuno di voi. Però ve lo dico, siate curiosi e non ne abbiate paura: io lo uso con parsimonia, perché bisogna trovargli la giusta “collocazione”. Secondo me è perfetto per le gratinature, come in questo caso, al posto del formaggio. Non sto dicendo che è la stessa cosa, capitemi. Però è una valida alternativa, senza i grassi del formaggio e con tanta vitamina B. Quindi è pratico non solo per i vegani, ma anche per chi, per dieta o altri motivi, non può mangiare latticini.

Bene.

Accendiamo il forno a 180°.

Mettiamo a bollire una pentola con i bordi alti, con un po’ di sale grosso. Prima di passarli in forno, io gli asparagi li scotto.

Quindi: prendete il mazzo d’asparagi e tagliate qualche centimetro al fondo dei gambi, così da eliminare la parte più fibrosa difficilmente mangiabile. Se volete pelate anche leggermente la parte finale dei gambi rimasti, per aumentarne la morbidezza: io però non lo faccio mai. Taglio la fine e “po’ bon”, come si dice.

Quando l’acqua bolle, legate gli asparagi e immergeteli in verticale lasciando fuori le punte, possibilmente: l’ideale sarebbe avere un’asparagera, ma si riesce a fare anche senza (io faccio senza, per esempio), scegliendo un pentolino di quelli con i bordi alti, come detto. Insomma, immergete gli asparagi in verticale e lasciate pure che le punte debordino fuori dall’acqua. Bastano 3-5 minuti, poi scolateli con delicatezza e posizionateli, facendo attenzione a non scottarvi, in una teglia.

Preparate una tazza con un mix di curry, sale e pepe immersi nell’olio d’oliva e con un pennello spennellate per bene tutti i vostri asparagi, da capo a piedi.

Infine cospargeteli con una bella nevicata di lievito alimentare, come fosse parmigiano. E via in forno: 18-20  minuti sono sufficienti (se leggete sotto ho un’alternativa al timer 🙂 ). Comunque controllateli e, quando sono belli dorati, potete estrarli, servirli o sbafarli direttamente dalla teglia, come mi capita spesso di fare…

mr. asparago al forno cencecicin.com 03

***

Invece di mettere il timer per gli asparagi in forno… guardatevi questa bellezza assoluta, che dura il tempo perfetto (anche se non ne avrete abbastanza). Perché Bejart era unico. Per la perfezione dei suoi danzatori. Per il preciso incastro che fonde indissolubilmente la Cantata 51 Jauchzet Gott in allen Landen! di Bach e lo stile essenziale, modernissimo e accademico insieme della danza: questa meraviglia è ciò che si definisce “bejartiano“. Cioè di una perfezione commovente.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...