Pasta verde verde verde

Perché: la pasta è fatta di farina di piselli. Ed è condita con zucchine alla menta e un pesto di spinacini e basilico. Dunque: verde, verde, verde, che vi dicevo?

Per 4 persone:

  • pasta di lenticchie o di piselli (ma anche pasta normale, se non vi piacciono) 350 g circa (se vi avanza fate il bis)
  • 300 g di spinacini freschi
  • 3-4 zucchine medie
  • foglie di basilico, a piacere
  • menta (anche essiccata)
  • timo una spolverata
  • mandorle una ventina
  • semi di lino due cucchiaini
  • olio d’oliva quanto basta
  • zenzero fresco, un cubetto di un paio di centimetri

Mettete l’acqua per la pasta a bollire con il sale grosso.

Intanto preparate le zucchine.

avena sesamo nero 06 cencecicin.comTagliatele in verticale e poi a cubettini di un centimetro circa; scaldate un po’ d’olio in una padella (simi-wok perfetta) e versateci le zucchine. Insaporitele con timo e menta e mescolatele ripetutamente. Aggiungete sale, pepe e grattugiateci lo zenzero fresco. In 10 minuti circa solo pronte, leggermente dorate, e potete spegnere.

Intanto preparate il pesto mettendo nel tritatutto gli spinacini, le mandorle, i semi di lino, sale, pepe, foglie di basilico. Frullate tutto per bene e mettete da parte.

Sarà ora di buttare la pasta: seguite le istruzioni di cottura e, quando è cotta, scolatela e quindi saltatela in padella con le zucchine dorate, aggiungendoci anche un cucchiaio di pesto.

Quindi impiattate a piacere. Io ho scelto di stendere uno strato di pesto all’interno del coppapasta quadrato e quindi versato a cucchiaiate la pasta nel coppapasta rotondo. Non terrà esattamente la forma, ma vi resterà bella ordinata. Sopra la pasta potete metterci ancora un cappellino di pesto. E via: Buona Pasqua, cencecicins!

pasta verde verde verde cencecicin.com

***

Abbiniamoci qualcosa di sognante – e che siano sogni e visioni belle e d’amore, come quelle del secondo atto della Bella Addormentata, con una delle più struggenti musiche, tra le tantissime, di Ciakovskij.  E con costumi del corpo di ballo – ebbene sì: VERDI!

Beccatevi la visione di questa “scena della visione”, dunque. Con l’Opéra de Paris.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...