Palloncini lenticchie, limone e cracker

Sono partita da un avanzo (circa un piatto) di orzo e lenticchie verdi preparato il giorno prima. Quindi se non vi avanza, vi tocca prepararvelo a parte, ma basta l’orzo.

Cominciamo dunque dall’inizio.

Con queste dosi riuscite a fare una decina di palloncini (la forma è quella del “fapalle” del gelato). Può essere un antipasto, un secondo, un contorno. È bello proteico e si può accompagnare bene con la valeriana o gli spinacini, per una decorazione bella e salutare.

  • orzo 80 grammi circa
  • lenticchie (una scatola, circa 250 g)
  • 3 pacchetti di craker integrali
  • miscela COPeTS
  • zenzero, fresco grattugiato o in polvere
  • 3 cucchiai rasi di semi di lino macinati
  • olio evo
  • buccia grattugiata di 1 limone

Cuocete l’orzo come indica la confezione. Cuocete le lenticchie come indica la confezione: se prendete quelle in scatola, non cuocetele, solo sciacquatele per bene sotto l’acqua.

Accendete il forno statico a 180° gradi.

Frullate i cracker nel mixer, anche grossolanamente e mettete in una terrina.

Ora frullate le lenticchie e aggiungetele alla terrina assieme ai cracker.

Aggiungete l‘orzo e pure i semi di lino, quindi abbondante miscela COPeTS e zenzero (un cubettino grattugiato o una spolverata, a vostro gradimento) e cominciate a mescolare con un cucchiaio di legno, fino a formare un composto grossolano, bello compatto e un po’ appiccicoso. Se vi sembra troppo appiccicoso, aggiungete ancora dei craker frullati e semi di lino macinati.

Assaggiate sempre per capire se regolare si sale/pepe o altro e quindi, se vi piace, preparate una leccarda da forno palloncini-lenticchie-e-limone-1-cencecicin-comoliata o rivestita di carta da forno.

Armatevi di “fapalle”, il “coso” con cui si formano le palline del gelato, e tenete sotto mano una tazza d’acqua per sciacquarlo di palla in palla, così il composto si stacca più facilmente.

Cominciate a fare le vostre palline e disponetele sulla leccarda. Non serve nemmeno siano troppo distanziate perché non cambiano dimensione in forno. Date una passata di olio e quindi infornate per una ventina/venticinque minuti, controllando di tanto intanto, finché risultano cotte e croccanti in superficie, ma sempre morbide all’interno.

Una volta sul piatto, servitele spolverizzate di buccia di limone grattugiata (attenzione a non grattugiare la parte bianca, che è amara). Io ci ho aggiunto anche una sorta di sala balsamica fatta con la mela (tipo questa), ma anche la crema di aceto balsamico può essere una soluzione ben abbinata. Come dicevo all’inizio, anche decorare il piatto con spinacini o valeriana può dare, secondo me, quel tocco in più. Che fa pure bene.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...